Antonov An-2 aeroplano multiuso da trasporto

Abbiamo fotografato un Antonov An2 dismesso sul terreno di volo BALATONKERESZTUR (Ungheria)

Campo di volo Aeroporto BALATONKERESZTUR LHBK (Ungheria)

20 Gennaio 2018

Velivolo AN-2 concepito nel 1946 in Unione Sovietica e prodotto in quasi 15 mila esemplari in Russia, Polonia e Cina.
Fu inizialmente destinato a supporto delle attività agricole in URSS per la semina, distribuzione di fertilizzante e fitofarmaci.
Tantissimi altri sono gli ambiti a cui verrà chiesto il supporto dell'aeroplano, tra i quali l'antincendio e ambulanza, sorveglianza e altre missioni speciali, tutti compiti adatti a un grande biplano lento.

Ingrandisci l'immagineAntonov HA-ABG

Antonov HA-ABG nel campo di volo di Balatonkeresztúr in provincia di Somogy, nell'Ungheria centro-occidentale. 20 gennaio 2018
Il solo Antonov presente su campo con il numero di registrazione HA-ABG anche se dismesso ci è sembrato ben tenuto e per la sicurezza è ancorato saldamente al suolo.

Ingrandisci l'immagineAntonov HA-ABG

Ingrandisci l'immagineAntonov HA-ABG

Ingrandisci l'immagineAntonov HA-ABG

Alcuni ordini di velivoli An-2 già assemblati (10 esemplari), con la caduta del Comunismo non sono mai stati consegnati e rimarrano a disposizione per occasionali clienti e per pezzi di ricambio.
Due di questi sono senza ali perché spedite in Mongolia. Altri 4 esemplari destinati al Vietnam sono rimasti in magazzino.

Ingrandisci l'immagineAntonov Petrosani

Antonov a Petrosani (città di Petronio di epoca romana) - Romania

Ingrandisci l'immagineAntonov Petrosani

Questo velivolo sarà fabbricato in Polonia dalla WSK PZL Mielec factory e anche a Kiev (Ucraina), con un numero che si aggira attorno ai 13000 esemplari.
Le strutture e i componenti verranno prodotti fino al 1991, con degli assemblaggi che proseguiranno fino al 2001 utilizzando le scorte di magazzino; rendendo disponibile una scorta supplementare di ricambi per permettere la manutenzione dei velivoli circolanti in tutto il mondo.

Ingrandisci l'immagine

Antonov a Cluj-Napoca Reg: YR-PBU

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Antonov usato per il servizio di spuzzatura degli anticrittogamici ad Arad Romania

Ingrandisci l'immagineAntonov HA-ABG

Antonov AN-2 Oradea Romania - 2012 Reg: YR-PVM

L'An-2 trasporta 12 passeggeri e/o merci e può operare su terreni di aviazione con piste d'atterraggio in terra battuta e d'erba appena livellati per questo viene dotato di varie soluzioni tecniche che lo rendono impareggiabile per le aree remote con piste non pavimentate.
Il sistema frenante è simile a quello dei veicoli stradali pesanti, con la presenza di una alimentazione di aria compressa per la regolazione della pressione dei pneumatici e della rigidità degli ammortizzatori.
E' un velivolo che può operare in completa indipendenza dai servizi a terra pertanto è capace di avviare il motore in maniera autonoma con le batterie di bordo, ed è anche attrezzato di una pompa carburante che permette all'equipaggio di rifornire l'aereo e riempire i serbatoi da semplici fusti di carburante.

Ingrandisci l'immagine

Antonov An-2 Reg: RA-01104

Con tali presupposti d'utilizzo, la progettazione elaborò una struttura semplice e robusta capace di resistere al lavoro usurante per i motori e le scocche.
Il carrello biciclo fisso, robustissimo con tralicci di rinforzo, garantisce un atterraggio sicuro anche a pieno carico e sarà predisposto per l'istallazione degli sci d'atterraggio su neve.

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Antonov AN-2 Reg: RA-01132

Ingrandisci l'immagine

Antonov AN-2 con i galleggianti.
Una versione idrovolante dell'An-2T chiamata An-4 o An-2V (vodniy / a base d'acqua) fu preparata dalla Antonov, Research and Design Bureau No. 153 OKB (Oleg Konstantinovic Antonov)e volò il 31 luglio 1951. L'An-2V fu preparato con protezioni per un uso in acqua e un'elica reversibile.
Questo velivolo avrà varie denominazioni: quello di produzione polacca fu designata "An-2M" (morski / marine) e quella sovietica "An-2W" (wodnozsamolot / idrovolante).

La Cina costruisce anche l'An-2 su licenza e si chiama Shijiazhuang Y-5.
Dal 1957 nella fabbrica Nanchang Aircraft Company i cinesi produssero ed esportarono in Corea del Nord e l'Albania moltissimi esemplari dell'An-2 nella versione standard chiamata Y-5N.

Ingrandisci l'immagine

Antonov An-2 RA-84662

Ingrandisci l'immagine

In Europa da tempo non permette un uso commerciale dell'Antonov ne permette il volo solamente come mezzo aereo sperimentale.
La domanda di An-2 da parte dei collezionisti nell'Europa occidentale, negli Stati Uniti e in Sud Africa è alta, dopo il restauro e l'adeguamento alle norme di sicurezza internazionale, partecipano sempre più frequentemente negli airshow di tutto il mondo.

Ingrandisci l'immagine

L'aeroplano An2 vola in piena sicurezza alla velocità minima di 30 mph.

La versione più comune è l'aereo passeggeri An-2T con 12 posti.
L'An-2T versione base da trasporto con capacità di carico fino a 1,500 kg, prodotto in serie in Unione Sovietica, Polonia e Cina (con la designazione Y-5A).

Ingrandisci l'immagine

Antonov AN-2

Ingrandisci l'immagine

Antonov AN-2

Ingrandisci l'immagine

Antonov AN-2

Ingrandisci l'immagine

Antonov AN-2

Il problema del motore da montare sui primi Antonov è stato quello della potenza. Il motore stellare radiale a 7 cilindri, ASh-21 con 520 kW (700 HP, fu il primo ad essere usato nei prototipi e nella prima produzione.

Presto si rivelò poco potente e si utilizzò a ragion veduta, il Arkady Shvetsov ASh-62R da 750 kW (1.000 CV), radiale a nove cilindri a fila singola raffreddato ad aria derivato Wright R-1820 «Cyclone», motore che si dimostrerà affidabile e robusto per questo tipo di biplano, lento ma efficiente, i cui consumi sono: 150 litri di carburante e circa 5 litri di olio all'ora a seconda della temperatura e della velocità di crociera.

Le fabbriche degli Stati Uniti hanno prodotto il Wright R-1820 fino al 1964. Una versione metrica del precedente modello "F" era stata prodotta in Unione Sovietica su licenza di Wright dal 1934. Alcuni anni dopo gli ingegneri sovietici svilupparono una versione migliorata: Ash-62 (simile al modello "G" del “Cyclone”) utilizzato nel popolare Antonov An-2.
L'ultima fabbrica che ancora produce questi motori è PZL WSK-Kalisz in Polonia.

Ingrandisci l'immagine

Strumentazione An-2 in auge fino al 1997 Photo: Tim Vickers St Louis www.historicaircraftrestorationmuseum.org/

Caratteristiche Generali dell'Antonov An-2
  • Equipaggio: 1–2
  • Passeggeri: 12 passengers
  • Lunghezza: 12.4 m (40 ft 8 in)
  • Apertura alare ala superiore: 18.2 m (59 ft 8 in)
  • Apertura alare ala inferiore: 14.2 m (46 ft 7 in)
  • Altezza: 4.1 m (13 ft)
  • Superfice alare complessiva: 71.52 m² (769.8 ft²)
  • Peso a vuoto: 3,300 kg (7,300 lb)
  • Carico utile massimo: 2,140 kg (4,700 lb)
  • Peso massimo al decollo: 5,440 kg (12,000 lb)
  • Motore: 1 × Shvetsov ASh-62IR 9 cilindri radial engine, 750 kW (1,000 hp)
  • Velocità massima: 258 km/h (139 kn, 160 mph)
  • Velocità di crociera: 190 km/h (100 kn, 120 mph)
  • Velocita di stallo: 50 km/h (26 knots, 30 mph)
  • Autonomia: 845 km (456 nmi, 525 mi) Velivolo abilitato al corto raggio.
  • Quota di tangenza: 4,500 m (14,750 ft)
  • Velocità variometrica: 3.5 m/s (700 ft/min)
  • Rapporto peso/potenza: 0.136 kW/kg (0.083 hp/lb)
  • Ingrandisci l'immagine

    Antonov AN-2 in manutenzione

    Ingrandisci l'immagine

    Antonov AN-2

    Ingrandisci l'immagine

    Ingrandisci l'immagine

    Motore Radiale Arkady Shvetsov ASh-62R da 750 kW (1.000 CV)

    Grafica Antonov An-2
    Ingrandisci l'immagine

    Antonov An-2 GRAFICA